lunedì 13 dicembre 2010

Santa Lucia il giorno più corto che ci sia...

La neve è arrivata e non ci ha lasciato il tempo neppure per un pupazzo, Santa Lucia con il bel sole ed il cielo turchino ci sta regalando delle luminose giornate invernali quasi a voler compensare le poche ore di luce che si sono, come infatti il detto dice: "Santa Lucia è il giorno più corto che ci sia"ed il mattino quando si entra in ufficio è ancora buio così come la sera quando si ritorna a casa.
Mi sento un po' malinconica in questi giorni, le lucine di cui tutto attorno è disseminato mi strappano un sorriso a mezza bocca, i riflessi sui vetri dei negozi mi parlano di storie lontane e di sussurri non detti.
Uvetta dal conto suo invece è estasiata da tutto questo sbarluccichio, ride ed inizia a parlare ed i suoni che fino a ieri parevano gorgoglii indefiniti si stanno via via rendendo più nitidi e le parole emergono.
Ho voluto regalarmi una coccola, un christmas fruit cake d'autore visto che la ricetta è stata presa dall'ultimo libro del cavoletto: "Regali golosi"

Un plum cake così è una carezza a colazione e anche se al risveglio il buio la fa da padrone l'inizio della giornata è un po' più luminoso--- peccato che i canditi siano inesorabilmente crollati al fondo.. qualcuno mi da un suggerimento?


Christmas fruit cake
*** sullo sfondo il mio quadretto "Ragazza in campo di papaveri" acrilico su tela



Christmas Fruit Cake


150 gr di farina
150 gr di zucchero
150 gr di burro
3 uova
70 gr di canditi misti
70 gr di uvetta
2 cucchiai di rum (nella versione originale c'era whisky)
2 cucchiai di succo d'arancia
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
1/2 bustina di lievito
un pizzico di sale

In una ciotolina ponete i canditi con l'uvetta ed unite il rum con il succo d'arancia lasciando riposare per mezz'ora. Sbattete le uova con lo zucchero e aggiungete l'estratto di vaniglia, il burro fuso e la farina, il lievito ed il pizzico di sale. Mescolate ed aggiungete la frutta secca.
Versate il composto in una teglia da plum cake imburrata oppure foderata di carta da cucina ed infornate a 180° per 45 minuti.

***

A ben vedere anche la piccola Babette in questo periodo è più pensierosa del solito...

I pensieri di Babette

21 commenti:

  1. Anche io per adesso mi sento tanto malinconica...
    Per il dolce, io metto l'vetta solo dopo che l'impasto è pronto e poi l'inforno, così precipitano di meno... prova!

    RispondiElimina
  2. Due quadri, uno da ammirare e l'altro da gustare. Per i canditi io credo che i problemi possono essere due: mettendoli a bagno nel liquore si appesantiscono e si rischia di non "strizzarli" bene (io non ce li metto mai) e molto dipende anche dalla consistenza dell'impasto (se troppo morbido affondano inesorabilemnte qualsiasi trucco si adotti). Bacioni, buona settimana

    RispondiElimina
  3. la malinconia è il sentimento più diffuso durante il Natale.
    E' ciò che rende questa festa piena di riflessioni e di pause.
    In giro quest'anno si vedono meno lucine e meno gente che compra regali.
    Ma magari di più dolci buoni come il tuo.
    Anna

    RispondiElimina
  4. Come ti capisco! Io inizio a diventare pensosa e malinconica già con i primi sentori dell'autunno. Un letargo di schiamazzi il mio, un momento di pace e di pensieri da sostenere con occhi dolci e comprensivi.

    Bel sentimento la malinconia. Squarcia e sorregge al tempo stesso.

    Belle foto!:)

    RispondiElimina
  5. I primi tempi ho detestato la malinconia che mi pervadeva in questo periodo perchè aveva preso prepotentemente il posto alla magia. Ora ci convivo e mi sforzo di far diventare quel mezzo sorriso in uno intero, per i bambini soprattutto, ...ma forse anche per me:D

    P.S Prova a infarinare i canditi prima di versarli nell'impasto

    P.S2 Ma quel quadretto..non si può ammirare meglio, mi piace un casino!

    P.S3 Mi sei mancata, non stare più via così tanto tempo ;)

    RispondiElimina
  6. @fantasie: grazie cara...proverò!!

    @fede: inesorabili canditi affondati :-(( ed ubriachi...

    @Anna: sai che non sono mai stata malinconica a Natale...fatico a sentirmi così non sono abituata!

    @llaura: hai ragione devo imparare a conviverci e a goderne la poesia nascosta!

    @elga: Cara i tuoi commenti mi riempiono di gioia e di sorrisi...sono stata lontana un pó più del solito e anche noi ne sentivamo la mancanza.... Il mio quadretto appena sará pronto te lo faró vedere meglio...in effetti é in campo di papaveri. Chi meglio di te può apprezzare?? un bacio

    RispondiElimina
  7. Uvette canditi sono il miglior antidoto contro la malinconia ... che io attribuisco all'inverno, con le sue poche ore di luce :-)
    Ricambio l'abbraccio a tutta la famiglia Babette pensierosa completa! Smack

    RispondiElimina
  8. Sono felicissima che il regalo goloso ti sia piaciuto!
    Spero che ti aiuti a rallegrare le tue giornate!
    un caro saluto

    RispondiElimina
  9. E' l'inverno mia cara, ci si rintana un po' in casa, in noi stessi.... Carinissimo il tuo cake, non so aiutarti per i candidi...Mi sa che comprerò anche io il libro di Cavoletto, ne vale la pena , vero? Un abbraccione e buona giornata !!!

    RispondiElimina
  10. Eh eh... non dirlo a me... che qui a Stoccolma è proprio buoi! Ma buio buio a Santa Lucia.

    Bella ricetta!

    Ciao.
    Orchidea
    www.viaggiesapori.blogspot.com

    RispondiElimina
  11. il dolcetto deve essere delizioso,ma la tua Babette ma quanto e' bella
    cristi

    RispondiElimina
  12. bello questo fruit cake!!! Ne vorrei un bel pezzetto. Baci

    RispondiElimina
  13. foto sempre più belle!

    mi accorgo solo ora di non averti inserito nella list dei foodblog che mi piacciono tanto, mi dispiace sono proprio una stonata!
    lo faccio domattina appena ho preso il caffé...

    buonanotte

    RispondiElimina
  14. wow tutti i consigli per non affondare i canditi sono arrivati...ora tocca trovare quelli per non affondare l'anima...ma forse basta lasciarla andare la malinconia...detto da una che in questo periodo vivrebbe solo con il suo plaid! un bacione tesoro caro

    RispondiElimina
  15. mA CHE ,ERAVIGLIA QUESTA RICETTA!!
    Sarà che Babbo Natale mi ha portato via la nausea e adesso mi si sta aprendo un mondo fatto di cibo fantastico tutto da mangiare!!!!!!!
    L'inverno rende tutti un po' più melanconici e romantici, tranne la mia cana ( cana è meglio di cagna no? cagna è così brutto!!) Milù, che continua a mangiarmi il giardino con grande entusiasmo!!!

    RispondiElimina
  16. Ciao, la torta e' bellissima lo stesso!
    Un bacione a tutti. :)

    RispondiElimina
  17. I canditi prova ad infarinarli..o ad aggiungerli una volta che l'impasto è già nella teglia senza farli affondare troppo, così durante la cottura dovrebbero rimanere nel mezzo. Cmq l'aspetto è buonissimo!!!
    Ma dipingi? il quadro sullo sfondo sembra bellissimo!!
    Un bacione a tutta la famigliola!

    RispondiElimina
  18. Grazie per i tuoi pensieri
    un bacio immenso

    RispondiElimina
  19. fico&uva: Ecco questi consigli ci torneranno utili e una nuova scatola di canditi ci aspetta per la prova del nove!!

    Uva: Dipingo da un paio di mesi e quello sullo sfondo è il mio secondo quadretto :-) piccolo ma che soddisfazione per me... un sogno nel cassetto che sto cercando di realizzare!

    un abbracccio a tutti voi!

    RispondiElimina
  20. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

    RispondiElimina
  21. Anche a me è successo con la ricetta di Sigrid...poi mi hanno detto che i canditi e l'uvetta andavano infarinati e messi all'ultimo momento..Ma sul libro non c'era scritto :(

    RispondiElimina