mercoledì 26 ottobre 2011

Dessert d'autunno: Martin sec al vino rosso

Martin sec al vino rosso
Autunno dove sei finito?
Domenica siamo usciti di casa per cercare i tuoi colori rossi e gialli e le sfumature che tanto ci piacciono, ma non ne abbiamo trovato traccia nella tavolozza dei paesaggi che abbiamo ammirato.
Le foglie erano ancora verdi con qualche sfumatura gialla qua e la, quasi tutte però ancora sugli alberi, il nostro cestino che volevamo riempire di mille colori è rimasto così vuoto.
Quest'anno è un po' così, siamo passati dall'estate che non sembrava finire di appena poche settimane fa all'inverno delle temperature di questi giorni, ieri sulle cime delle nostre montagne è comparsa la prima spolverata di neve!
Ma i tuoi sapori caro Autunno noi li abbiamo comunque voluti gustare, insieme alla nostra adorata Mina, con Dade e tutta la loro splendida famiglia, attorno ad un tavolo una polenta fumante e tante chiacchiere le ore sono trascorse veloci e ci hanno riempito il cuore di serenità e leggerezza e momenti così ci vogliono per ricaricarsi.

Lalla, la mamma di Mina, ha pensato davvero a tutto mentre noi abbiamo voluto provare e preparare una ricetta che avevamo in mente da un po', ricevute da un gentil signore delle piccole e deliziose pere martin sec non abbiamo avuto dubbi su come le avremmo gustate:


Martin sec al vino rosso

martin


Ingredienti
18 pere martin sec
una bottiglia di vino rosso amabila (noi abbiamo usato delle Bonarda)
2 stecche di cannella
zenzero in polvere un paio di pizzichi
4-5 chiodi di garofano
250 gr di zucchero

Preparazione
Lavate per bene le pere ed asciugatele con un panno, mettetele una accanto all'altra in un tegame con il picciuolo verso l'alto, coprite con il vino, lo zucchero e tutte le spezie previste, portate a bollore e poi abbassate al minimo la fiamma e coprendo proseguite la cottura per 40 minuti circa.
Togliere le pere e sul fuoco fate restringere il vino fino ad addensarlo. 

Vicky e martinSec

***

I suggerimenti di Fico&Uva:

- non pelate le martin sec se sapete la loro provenienza, la buccia è aromatica e sono talemente piccoline che rischiereste di avere uno scarto decisamente troppo elevato.

- la densità giusta del vino è raggiunta quando passando il dito sul cucchiaio intinto rimarrà perfetta la striscia bianca sulla superficie dove si è passato (il gesto deve essere veloce onde evitare scottature, a meno che non abbiate le mani di amianto come la nostra "zia Lalla" )

- se servite accompagnate da un ciuffetto di panna appena montata saranno un dessert golosissimo che difficilmente dimenticherete

MartinSec prima e dopo

15 commenti:

  1. davvero invitanti e poi le mani del piccolino sono adorabili c hi sa che bello..io ho tre femmine

    RispondiElimina
  2. anche senza averlo assaggiato mi sa che non lo dimenticherò!!!devo trovare delle martin sec! ;)

    RispondiElimina
  3. certo, le piccole protagoniste fanno la differenza, a trovarle.. io ricordo che qualcuno nella mia infanzia ne aveva l'albero e mi piacevano molto.
    Grazie della ricetta :)
    le foto sono magnifiche!

    RispondiElimina
  4. elegantissimo questo desser..chissà che buono, molto molto bello, complimenti!

    RispondiElimina
  5. Amo i colori dell'autunno, e anche io quest'anno li sto ancora aspettando.... :)
    Buono il tuo dessert... :)

    RispondiElimina
  6. Non conoscevo questa varietà di pere, quindi ti ringrazio per averle fotografate anche *nature* :) sono bellissime, oltrechè, immagino, molto buone.
    Un abbraccio,

    wenny

    RispondiElimina
  7. Pere... (a me) sconosciute!!!
    Saranno le foto, sarà l'Autunno ma questa ricetta mi incuriosisce un bel po'...
    A presto!

    RispondiElimina
  8. Meraviglia!!!Le pere così mi ricordano la mia infanzia devo trovarle e farle grazie :-)

    RispondiElimina
  9. Sarà un caso, ma tu non fai che postare ricette delle mie pietanze preferite...
    Bellissime immagini.
    Baci

    RispondiElimina
  10. Elegante è dire poco. E' strepitoso, direi. Sei davvero bravissima. Ma a parte questo, che già si sa, queste tue perine mi piacciono davvero un sacco: soprattutto il loro colore! In effetti anche io ogni volta che esco di casa mi chiedo come mai gli alberi non siano rossi... però: diamo tempo al tempo :) Intanto queste tue perine sono favolose. Lo ripeterò all'infinito.

    RispondiElimina
  11. Da qualche tempo sono diventata"allergica"al vino,acc....queste pere sono favolose!Da noi(campagna trevigiana)gli aceri hanno iniziato a tingersi di rosso..stupendi!

    RispondiElimina
  12. Certo che il rosso dona che è una bellezza....MERAVIGLIOSE!!!

    RispondiElimina
  13. Quello sciroppo è perfetto! Tufferei il cucchiaio ancora prima di tagliare le pere ...
    Buon fine settimana tutta la famiglia
    Baci

    RispondiElimina
  14. giusto ieri ero ad un corso sulle ricette di bocuse e tra queste c'erano le pere alla beaujolaise.sono ottimi metodi per gustare la frutta, dessert semplici ma che riscaldano il cuore in inverno e queste pere si prestano benissimo

    RispondiElimina
  15. Queste le preparo...devo trovare quella varietà di pere, sìsì!! Bellissime le foto=)) buona domenica cari=) Lys

    RispondiElimina