mercoledì 27 giugno 2012

Caciucco alla livornese a modo nostro

Questa è una ricetta che ci piace replicare ogni anno all'inizio dell'estate, è una preparazione che la prima volta a cui ci siamo approcciati ci ha spaventato un po' in quanto non rientra nelle nostre ricette familiari o classiche e pertanto non avevamo nessuna zia o parente fidata a cui chiedere il suggerimento.
Nasce così la nostra versione, perfezionata partendo da un paio di ricette diverse prese da libri e da suggerimenti della rete, il caciuccio a casa nostra viene fatto così!
La preparazione parte già dalla ricerca del pesce, purtroppo non abitando sul limitar del mare è quasi necessario rivolgersi al proprio pescivendolo di fiducia oppuer carpire i giorni di consegna della grande distribuzione per avere un prodotto di eccellente qualità e freschezza.
 
Caciucco alla livornese a modo nostro

pesce

Ingredienti per 2

1 scorfano
2 gallinelle di mare 
2 scampi
2 gamberoni
2 cicale di mare
vongole
cozze
3 foglie di salvia
1 spicchio di aglio
7-8 pomodori rossi
due pizzichi di peperoncino
una cipolla 
una carota 
una costola di sedano
un bicchiere di vino bianco per sfumare
pane casereccio in fette 

scorfano coltello zwilling


Preparazione

Pulite con molta cura i pesci togliendo le teste, sgusciate gli scampi e gamberoni, fate spurgare i frutti di mare; con gli scarti preparate un brodo di pesce mettendoli sul fuoco con un po' di acqua, la carota ed il sedano tagliati, la foglia di salvia e lo spicchio d'aglio - filtratelo con un colino.
Tritate la cipolla con le foglie di salvia e fatela soffriggere in olio in una pentola capiente che possa poi contenere tutti gli ingredienti, sfumate con un bicchiere di vino bianco. 
Unite i pomodori tagliati a pezzetti, peperoncino qb e lasciate cuocere per circa 20 minuti.
Aggiungete i pesci  con qualche mestolo di brodo e lasciate restringere, mettete le vongole con le cozze ed i crostacei, quando le conchiglie saranno ben aperte il nostro caciucco sarà pronto.
Servite la zuppa sulle fette di pane abbrustolite.

caciucco


***

Con una ricetta così se chiudiamo gli occhi ci troviamo qui:

mare

con Vicky l'Uvetta che con i ricci al vento si incammina verso la spiaggia...

vittoria

3 commenti:

  1. Che meraviglia quello scorfano, già quello è garanzia di bontà :)

    RispondiElimina
  2. Ah che voglie mi fai venire...il cacciucco, livorno, piazza mascagni, calafuria, il sole. Lo so che non dovrei lamentarmi, visto che sono a Londra, ma leggendo questo post, mi è venuta un'irrefrenabile voglia di mare!

    RispondiElimina
  3. complimenti è tanto che non ne mangio ma lo vorrei proprio cosi

    RispondiElimina