giovedì 14 gennaio 2010

Stelle e topinambur

E si esce dal caleidoscopio delle feste con un senso già di nostalgia per questo primo Natale con Uvetta trascorso troppo in fretta; sono stati giorni pieni e ricchi di emozioni, stancanti ma di quella fatica che non pesa e ti lascia il sorriso sulle labbra prima di dormire.
Anche il nostro albero è stato smontato sotto gli occhi attenti della piccola che non si lascia mai scappare niente nei movimenti di casa, la sera però mi è parso di cogliere un velo di tristezza quando si è accorta che quel qualcosa di magico e luccicoso non c'era più! La stella luminosa in camera sua, quella si che l'abbiamo lasciata, stella che ci tiene compagnia nei minuti che precedono il lento calar delle palpebre serali per tuffarsi nel mondo dei sogni!

stella_stellina

Lo sformatino che postiamo oggi è stato un nostro cavallo di battaglia delle feste, riproposto ad un paio di cene ed persin gustato da noi in una cenetta casalinga. Fico è da sempre è un fan incallito dei topinambur e del sedano rapa (che non c'entra con questa ricetta ma ne è estasiato) !!
La ricetta è semplice semplice e la si può adattare anche ad altre verdure.....

Sformati di topinambur


Sformato topinambour

150 grammi topinambur

1 uovo

50 gr parmigiano

2 cucchiai rasi di farina

sale - pepe

1 cucchiaio olio extravergine d'oliva

Rosmarino

Iniziate subito con lessare per una decina di minuti i topinambur in acqua che bolle, scolateli e una volta freddi frullateli; unite gli altri ingredienti ad un uovo sbattuto e amalgamate bene prima di aggiungere la "purea" di topinambur - oliate ed infarinate bene 4 formine e cuocete a bagnomaria per circa 20 minuti in forno a 140°

Consigli per il bagnomaria: utilizzate di partenza l'acqua bollente... non fate come noi che la prima volta abbiamo impiegato circa un'ora a cuocere gli sformatini perchè siamo partiti con acqua fredda!!

6 commenti:

  1. Gnam gnam!Veramente caruccio questo sformatino!Da fare prima che la stagione dei topinambur finisca...

    RispondiElimina
  2. Rafazzi!!! Finalmente!
    Eccovi di nuovo qui ^_^
    Sono contenta di rileggervi...
    Il topi non lo conosco, ho scoperto in giro per blog, che somigli ad una patata con il sapore del carciofo, adoro entrambi, sono passata dal negozio bio in cui acquisto gli ingredienti e gli alimenti più particolari, ma non l'ho trovato, spero di provarlo al più presto, ho una curiosità incredibile...
    Lo sformatino è delizioso...
    un bacione a presto!

    RispondiElimina
  3. Come non innamorarsi dei topinambour! sono morbidi e seducenti :-)
    Bacioni

    RispondiElimina
  4. @edith: da provare assolutamente!

    @pagnottella: li devi assolutamente assaggiare... con la loro buccia e i bitorzoli che hanno forse fanno un po' antipatia alla vista ma una volta scoperto il loro sapore non si può che amarli (sempre che sia gradito il gusto delicato del carciofo...)

    @twostella: verissimo... molto seducenti!! bacioni

    RispondiElimina
  5. Chissà che emozioni questo Natale con Uvetta e che bella quella stella argentata! Nel mentre ne approfitto per prendere anche un po' di questo sformatino :-)

    RispondiElimina
  6. ..già, anch'io ho "incontrato" i topinambur ed il sedanorapa da poco e mi sono innamorata. Bello questo sformatino, lo proverò!

    RispondiElimina