lunedì 10 ottobre 2011

La pasta con le sarde di Nonno Fico

Sarde

Si fa presto a creare delle nuove tradizioni, rituali nati da poco che acquisiscono importanza e diventano momenti speciali da condividere. 
Nonno Fico, palermitano doc, è un ottimo cuoco e una delle sue specialità è la pasta con le sarde preparata come faceva sua mamma.
Requisiti fondamentali per la riuscita del piatto sono la freschezza delle sarde e l'abbondanza del finocchietto selvatico, possono sembrare semplici raccomandazioni ma qui da noi non è così facile trovare il finocchietto che, solo alcune volte e senza un particolare preavviso, compare nei banchi più forniti del mercato.
E' per questo che abbiamo deciso di correre al riparo: per gustarci la pasta più buona della stagione ad inizio estate, ogni anno, un angolo dell'orto è dedicato alla piantina di finocchietto selvatico, che, poco a poco, raggiungerà la giusta dimensione per garantire il sufficiente apporto di fronde necessarie per condire tutta la  pasta.


Sarde prima e dopo

Ingredienti
Per 6 persone

Bucatini o spaghetti 100 gr a persona
1 kg di sarde pulite
Finocchietto selvatico a volontà
50 gr di pinoli
50 gr uva passa
2 bustine zafferano
4-5 acciughe + 3 per la tostatura del pangrattato
pangrattato
3 cucchiai di passata di pomodoro
sale e pepe
olio evo a piacere

Preparazione
 
Per iniziare mettete in una ciotola di acqua calda i pinoli e l'uvetta.
Le sarde vanno pulite perfettamente sotto un filo di acqua corrente, dovete togliere la testa e la lisca e sciacquarle abbondantemente.
Capate il finocchietto togliendo le parti più dure prima di farlo bollire in abbondante acqua per qualche minuto, scolatelo, conservando l'acqua di cottura, che servirà per cuocere la pasta e una volta raffreddato sminuzzatelo finemente con il coltello.
In una padella sciogliete in poco olio d'oliva le acciughe, aggiungete il finocchietto tagliuzzato e dopo un paio di minuti unite l'uva passa e i pinoli scolati dall'acqua calda, due cucchiai di polpa di pomodoro ed un giro d'olio prime di mescolare bene.
Disponete sul condimento così ottenuto le sarde aperte verso l'alto,  mettete il coperchio e portate a temperatura prima di spegnere il fuoco, sarà il calore del finocchietto e della padella che cuocerà le tenere sarde senza disfarne le carni.

Pangrattato_tostato

Cuocete gli spaghetti o i bucatini nell'acqua del finocchietto e, contemporaneamente, in una zuppiera mettete un bicchiere di acqua calda in cui sciogliete le due bustine di zafferano; in un'altra padella sciogliete tre acciughe con un filo d'olio e aggiungete del pangrattato lasciandolo tostare leggermente.
Scolate la pasta, versartela nella zuppiera con lo zafferano e mescolate bene, prendete metà del condimento e girate bene.
Impiattate e versate un cucchiaio di condimento in cima mentre il pangrattato tostato verrà utilizzato, da chi lo gradisce, ad arricchire la pasta .

Pasta con le sarde

32 commenti:

  1. Potrei svenire davanti a questo piatto di pasta! Faccio la versione senza pomodoro quando ho la fortuna di trovare il finocchietto selvatico e l'adoro. Le acciughe nel pangrattato però mi mancavano e mi sa che fanno una gran bella e gustosa differenza. Bravo nonno Fico :) Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
  2. Adoro la pasta con le sarde! Questa di nonno Fico è STRAORDINARIAAAAA!!!! Bacioni

    RispondiElimina
  3. queste fotografie sono eccezionali, ogni giorno di più devo farti i miei complimenti. :)

    RispondiElimina
  4. ci credi che non l'ho mai mangiata? dovrò rimediare!

    RispondiElimina
  5. Buonaaaa!! complimenti e buona serata!

    RispondiElimina
  6. a qualsiasi ora del giorno... non saprei dire di no! ;-)

    RispondiElimina
  7. E' un primo piatto che ho sentito raccontare con piacere ... Non mi rimane che provarla :-)
    baci

    RispondiElimina
  8. E' un piatto che ho mangiato in Sicilia in vacanza da ragazzina. Sembrerà strano ma ricordo ancora il gusto. Cat

    RispondiElimina
  9. Da leccarsi i baffi anche a quest'ora della notte! Nonostante le origini un piatto così non l'ho ancora assaggiato. Ma la Sicilia non la mollo per farla diventare un ricordo.
    A presto,
    Sissa

    RispondiElimina
  10. Che meraviglia!!!! Io purtroppo a NApoli cerco disperatamente il finocchietto selvatico ma senza nessun risultato! E senza finocchietto che pasta con le sarde è?
    Buona giornata
    Marcella

    RispondiElimina
  11. Le sarde così cucinate mi ricordano quelle a beccafico...E questo primo dev'essere un'esplosione di sapori!Da provare appena avrò del finocchietto a disposizione :)!Baci e buona giornata!

    RispondiElimina
  12. uno dei miei piatti preferiti.. è la tua ricetta me la segno.. :-)

    RispondiElimina
  13. Ti ringrazio tanto per aver visitato il mio blog ed esserti aggiunta tra le persone che ogni giorno mi seguono annotando o postando commenti. È sempre bello conoscere nuove persone e soprattutto leggersi a vicenda! E per questo che sono felice di seguirti e ricambiare l’interesse nel leggere le tue ricette! Allora ci si legge in rete!

    RispondiElimina
  14. assolutamente gustoso questo piatto e di mio gusto.di sicuro i piatti della tradizione non ci deludono mai.

    RispondiElimina
  15. Qui in Trattoria la pasta con le sarde è stata preparata solo una volta in tempi pre-blog e ne ho un ricordo buonissimo...non è che ti sono avanzate un po' di sarde fresche? ;)

    RispondiElimina
  16. Qui in Trattoria la pasta con le sarde è stata preparata solo una volta in tempi pre-blog e ne ho un ricordo buonissimo...non è che ti sono avanzate un po' di sarde fresche? ;)

    RispondiElimina
  17. Uva, sei bravissima! Le sarde sono super-fotogeniche :)

    RispondiElimina
  18. Le foto sono stupende ma quel piatto...mmm, mi ha messo un languorino!!! Che bontà!!!!

    RispondiElimina
  19. Complimenti, la tua ricetta è davvero golosa! sei bravissima! un bacio :)
    Claudia Annie
    ps: Hai un blog e vorresti personalizzarlo?
    (template, header, separatori, banner, cursori, icona url, timbri per autenticare le foto, ecc…)
    senza perdere tempo dietro ai codici html?
    Contattami :)

    RispondiElimina
  20. Nonno Fico! Già dal nome è simpatico!

    RispondiElimina
  21. sai che questi occhiolini mi hanno tentato non poco?!
    e la pasta con le sarde è troppo buona, pensa che ne ho fatta una versione senza uva né pomodoro, ma con pinoli, sarde e pangrattato e pure il figlio schizzinoso l'ha mangiata!

    RispondiElimina
  22. Ho scoperto il tuo blog da pochi giorni e mi piace tantissimo! Ricette e foto una più bella dell'altra!

    Questa pasta è perfetta, il colore brillante, il connubbio di profumi e sapori unici... complimenti!

    RispondiElimina
  23. mamma mia che bellezza la prossima volta voglio essere invitata a gustare questa prelibatezza !

    RispondiElimina
  24. Questa pasta è uno spettacolo!
    Fatta benissimo, anzi, a regola d'arte: complimenti

    Tiziana

    RispondiElimina
  25. Ciao famiglia, che ne dite di partecipare al mio nuovo contest! Ne sari onorata. Baciotti

    RispondiElimina
  26. Credo sia uno dei miei primi piatti preferiti.
    Pensa che qualche anno fa sono riuscita a prendere un aereo all'ultimo per andare a mangiarmelo e rincasare la sera dopo.....
    BACI

    RispondiElimina
  27. Che meraviglia di post e di ricetta. Ti meriteresti un bel premio e un applauso, il mio!

    RispondiElimina
  28. Post sbalorditivo, sia per le immagini che per la ricetta davvero gustosissima :)

    Un bacione

    RispondiElimina
  29. buoneeeeeeeeeee brava io se vuoi sarò una fan accanita forse xchè mi piace tanto il pesce brava se vuoi passa da me a da poco che mi nsono iscritta mi piacerebbe averti come amica nel mio blog ciao a presto

    RispondiElimina
  30. Queto blog è bellissimo!!!
    Davvero tanti complimenti...
    E queta pasta con le sade da urlo: se non piove questo week-end me ne vado in giro per campi in cerca del finocchietto!
    Mi iscrivo tra i tuoi follower coì da no perderti di vista...
    A presto, Mela

    RispondiElimina