venerdì 25 novembre 2011

L'eleganza del porro

Porri di cervere

Autunno tempo di sagre e di mercatini: l'ultimo solo in ordine di tempo è stato per noi quello del cavolo verza in un paese qui vicino alle nostre zone.
I banchetti erano molti ed ognuno riservava una sua personale bellezza: artigianato, antiquariato, prodotti locali e meravigliose prelibatezze; in questa sagra poi a lui dedicata il cavolo verza tronfio aveva il posto d'onore.

Sagradelcavolo

Fra le varie meraviglie gastronomiche veniva conteso anche l'afffasciante  porro di Cervere, flessuoso e lunghissimo, elegante e sfinato come pochi porri sono, è con questo prezioso bottino che siamo tornati a casa, oltre che con il cavolo verza che non potevamo proprio dimenticare.

La ricetta di oggi ha colpito la nostra attenzione, per la prima volta abbiamo acquistato la rivista La cucina del corriere della sera e ci siamo immediatamente lasciati catturare dalla bellezza delle ricette e dalle preparazioni a festa che contraddistinguevano questo mese di dicembre.







Porri in vinaigrette con uova di quaglia

Uovo dettaglio



Ingredienti
Per 4 persone

600 gr di porri
uova di quaglia
30 gr di olive nere denocciolate
10 gr di prezzemolo
2 fette di pancarrè
mezza cipolla
aceto di vino bianco
olio evo
sale e pepe

Preparazione

Ovetti e guscio

Mondate i porri e lessateli in acqua bollente e salata per circa 10 minuti (in base alla grandezza del porro).
Tritate il prezzemolo  e mettetelo con 4 cucchiai di aceto bianco e 2 di olio più un pizzico di sale.
Scolate i porri, lasciateli raffreddare e versatevi sopra la vinaigrette .
Tritate la mezza cipolla insieme con le olive e fatele appassire per 5 minuti a fiamma bassa in una padella con poco olio.
Con uno stampo ad anello ricavate 4 dischi di pancarrè che farete dorare 3-4 minuti per lato con un filo di olio, distribute i porri uno di fianco all'altro, cospargeteli con il trito di olive e cipolla, sistemate al centro un dischetto di pane tostato e un'ovetto di quaglia appena fritto nel padellino.
Una macinata terminerà questo piatto che si è dimostrato un modo delizioso per gustare i porri con una ricetta inedita e bellissima da presentare.

E poi si sa che alle sagre spesso ci sono anche i venditori di palloncino per la gioia di tutti i bambini...

palloncino manina

18 commenti:

  1. Non sapevo che ci fosse una sagra delle verze, che bello!
    E' davvero elegante questo piatto di porri e le uova, immagino sia anche buono, complimenti!

    RispondiElimina
  2. ... e dell'uovo: elogio alla semplicità e perfezione delle cose :)
    però una sagra per la verza !?!?

    RispondiElimina
  3. Dev'essere delizioso il porro fatto in questo modo... e poi con le uova mi fa tanto "asparagi", ma la autumn-version è più bella :)

    RispondiElimina
  4. stupendo!!!!!!!!! avete fatto venire voglia di uova persino a me, che non le mangio praticamente mai!!!!^_^

    RispondiElimina
  5. io vado pazzo per i porri :P
    la ricetta è anche molto chic!
    devo dare uno sguardo alla rivista mai presa in edicola...
    buon we

    RispondiElimina
  6. che carina questa sagra!
    e la ricetta è davvero buona!
    un porro elegante!: )

    RispondiElimina
  7. I porri in casa mia non mancano mai e le ovette di quaglia le digerisco molto meglio rispetto a quelle di gallina. Questo piatto è un vero spettacolo, quindi te "lo rubo" e la ripropongo sicuramente nella tavola delle feste natalizie :)

    Buon week end

    RispondiElimina
  8. Puo' sembrare un piatto povero, ma io lo considero un piatto ricco di gusto, direi SUPER
    Complimenti

    RispondiElimina
  9. Visto che sei di Biella non sarai mica andata a quella di MOntaltodora??io quest'anno l'ho saltata visto la pioggia..

    Laura di pentole di cristallo

    RispondiElimina
  10. CHE BELLE FOTO E CHE BELL'ABBINAMENTO UOVO-PORRO!!! MA QUANTO E' BUONO L'UOVO FATTO COSI'??? CIAO RAGAZZI, BACI A IOSA A UVETTA... ^__^

    RispondiElimina
  11. Mi piace tanta eleganza e sobrietà che rivela all'assaggio armonie nuove :D

    RispondiElimina
  12. l'eleganza del porro sì, ma soprattutto l'eleganza di saperlo servire in questo modo :-)))

    RispondiElimina
  13. Molto chic la presentazione e l'abbinamento di porri e uovo!! Questo piatto affiancato da una zuppa invernale (non troppo rustica) e un caminetto acceso + visi amici direi che sarebbe un quadretto fantastico! Grazie per lo spunto ;) un saluto a tutti voi Lys

    RispondiElimina
  14. @pips: è stato proprio questo effetto "asparago" d'autunno che ci ha conquistato!

    @vale: Uvetta vuole conoscerti... sarà per la prossima bloggeravventura?? :-)

    @tutti: effettivamente questa presentazione è elegantissima e fa davvero un figurone impiattato... come dire, un porro d'alta moda! :-)

    RispondiElimina
  15. come l'eleganza del riccio.. anche il porro ha la sua! esaltato poi dall'uovo lo trovo stupendo! :)
    un salto da voi per dirvi che mi sono trasferita su www.darkchocolate.it

    RispondiElimina
  16. Bellissime foto e interessantissima ricetta per gli amanti dei porri! Buona serata

    RispondiElimina
  17. lo sapete che con la vostra delicatezza, eleganza mi regalate un filo d'oro ogni volta
    un bacio

    RispondiElimina
  18. @laura pentole di cristallo: hai indovinato la sagra giusta! Proprio a Montalto, la domenica pomeriggio il tempo era bello anche se faceva un po' freddino!

    @lea: buona serata a te

    @marzia: verremo a cercarti nel tuo nuovo blog :-)

    @lo: sei tu che lasci un filo d'oro ogni volta che passi qui... un bacio

    RispondiElimina