giovedì 17 marzo 2011

Cucinando in.... Piemonte

Oggi è una giornata speciale, un giovedì tutti a casa per festeggiare il nostro bel Paese, ricco e pieno di tradizioni, di diversi paesaggi dalla splendida Sicilia dove amiamo trascorrere l'estate al Piemonte con le sue montagne e i suoi sapori decisi, regione dove abitiamo.
150 di Italia con i suoi caratteri ed i suoi dialetti diversi, con le sue città d'arte e i suoi piccoli paesi da 2000 anime... una Nazione di grandi persone, di grandi Italiani che tutti i giorni la vivono e la popolano.

Con gli amici Riccardo e Valentina di Cucinando e la nostra squadra di blogger abbiamo pensato ad un bel modo di festeggiare questa ricorrenza così speciale, ognuno di noi ha proposto un piatto tipico della propria regione, perchè l'Italia si sa è anche e soprattutto cucina e a tavola piace a tutti festeggiare!!!


italia a tavola


Brasato al Barolo


Un bel pezzo di manzo
1 cipolla
1 carota
alloro qualche foglia
1 costola di sedano
pepe in grani
sale
burro

e per finire una bottiglia di Barolo (il nostro è classe '74)

Brasato al Barolo

Il giorno prima...
Posizionate il pezzo di carne e aggiungete le carote, il sedano e la cipolla tagliate a pezzetti, versate il barolo. Aggiungete l'alloro per profumare e qualche grano di pepe.
La marinatura sarà di 24 ore in luogo fresco (noi l'abbiamo tenuto in frigo) e abbiamo girato la carne di tanto in tanto in modo da farla risulare omogenea.

In giorno dopo...
Fate sciogliere una noce di burro in una casseruola, unite la carne ben sgocciolata e fatela rosolare per bene da ogni lato; a questo punto unite il vino con la marinata di verdure, salate, e iniziate la cottura a fuoco moderato per almeno tre ore avendo cura di girare la carne di tanto in tanto.

A cottura ultimata togliete la carne e passate il fondo con un passaverdure, affettate il brasato mentre fate restringere il sugo con fiamma vivace.

Noi oggi serviremo il brasato con una polenta fatta direttamente dal paiolo di Nonno Uva.

Brasato barolo

***

Un pensiero al Giappone

Japan

24 commenti:

  1. ultimamente ho veramente poco tempo e mi e' difficile passare da voi e accidelbola mi perdo dei capolavori, Mgnifica e invitante!!!!
    baci

    RispondiElimina
  2. Anche se con la carne vado poco d'accordo è molto bella questa iniziativa e conosco qualcuno che farebbe follie per un brasato così :)
    Un bacione, mi unisco a voi nel pensiero per il Giappone

    RispondiElimina
  3. posso fare il tifo per le cime di rape??????

    un pensiero anche da parte mia al giappone

    RispondiElimina
  4. Bellissima quella cartina, è un'idea splendida! :) Buon brasato e buon relax per oggi, speriamo senza brutte notizie...

    RispondiElimina
  5. Ciao ragazzi, dopo aver sentito il profumo di questo brasato, sono passata a vedere che magnifico piatto, avete preparato...
    Le cotture lente, sono quelle che preferisco...riesono a tirar fuori il meglio, da ogni pietanza.
    A presto

    RispondiElimina
  6. Ottima la ricetta adoro il Brasato mi ricorda la mia permanenza a Torino tanti anni fa, il profumo di questa carne mi ricorda momenti bellissimi della mia vita, Niccolò è nato lì quindi il Piemonte avrà sempre per me un posto speciale nel mio cuore!
    un bacio grande e tanta dolcezza a voi

    RispondiElimina
  7. Ahh il brasato al barolo, uno dei miei piatti preferiti (da buona mezzosangue: metà piemontese delle Langhe e metà siciliana!).
    Non potevate trovare una ricetta migliore, per ricordare il Piemonte!
    Ciao

    RispondiElimina
  8. fantasticooooooo, adoro questa specialità m'assetterei docu 'nsemmula cu vui ;)
    ehm c'è spazio?
    :)
    auguri anche a voi per questa unità
    baciuzzi italici
    ***
    cla

    RispondiElimina
  9. Un brasato meraviglioso, uno dei piatti che preferisco e che mi ricordano Torino visitata da bambina. La cartina è carinissima!!

    RispondiElimina
  10. da vera piemontese non faccio che inchinarmi a questo piatto!adorabile e gustosissimo!w lìitalia e la cucina italiana!

    RispondiElimina
  11. bellissime foto, bellissimo quel brasato e il vostro pensiero per il Giappone.

    RispondiElimina
  12. sai che non l ho mai fatta, son troppo na terun hiihihiihihi. Però mi pare davvero buono, se riesco lo provo ^_^ grazie per esser passati da me . Bacino Ang, vi aspetto anche per il contest :)

    RispondiElimina
  13. Ottima versione del brasato e che FOTO!!!!!!!! complimenti davvero!

    RispondiElimina
  14. COMPLIMENTI!!!!!!OTTIMA RICETTA.
    UN PENSIERO ANCHE DA PARTE MIA PER IL GIAPPONE.

    RispondiElimina
  15. ottime idee sia nei piatti che nei simboli

    RispondiElimina
  16. i brasati al vino li trovo sempre insuperabili, Quello al Barolo, però, è così principesco.. BUONO!

    RispondiElimina
  17. PS: il pensiero al Giappone l'ho espresso anch'io e mi unisco anche al vostro..

    RispondiElimina
  18. BUON COMPLEANNO ITALIA! Proprio in occasione dei festeggiamenti dell'Unità d'Italia, Ballarini e il blog Farina, lievito e fantasia hanno indetto un fantastico contest "150 anni in tavola". Si potrà partecipare con ricette tipiche delle proprio regioni e in palio ci sono dei bellissimi prodotti della linea Titanio della Ballarini.
    Corri a leggere il regolamento. Ti aspettiamo! http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/2011/03/contest-150-anni-in-tavola.html

    RispondiElimina
  19. Sai che non sono mai stata in Piemonte? Beh, inizierò a portarmi un pezzetto di Piemonte in casa facendo un buon brasato. Ottimo per quando si hanno ospiti.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  20. Io per il brasato non saprei neanche da dove partire...ma il porceddu al mirto lo conosco benissimo :-)

    RispondiElimina
  21. tesoro bello...si è stata una giornata così bella così sentita ...me la sono goduta...un abbraccio

    RispondiElimina
  22. Il brasato ubriaco era ottimo anche il giorno dopo... tenero..tenerissimo! Una vera scoperta questa cottura lenta

    RispondiElimina
  23. un garn bel brasato complimenti, ma sopratutto fotografato anche molto bene

    RispondiElimina