mercoledì 7 settembre 2011

Dal Salento con amore... Tiella riso-patate e cozze

Vicky&BaSiamo tornati pieni di tutto da questa vacanza, negli occhi, sulla pelle e nel cuore.
Lo capisci subito quanto una terra può riservarti delle emozioni, lo capisci dal primo passo che fai e dalla prima aria che respiri e per noi la Puglia è stata questo, la vacanza ideale!

Il Salento poi è una terra magica dove ancora si possono assaporare gusti antichi, sabbia fra le dita dal mattino alla sera, lo Ionio mare incredibilmente generoso di tramonti, le acque cristalline e trasparenti in cui ti senti in pace, la gente che ha negli occhi l'azzurro e sulla pelle l'ambrata abbronzatura regalata dal sole.


Abbiamo spesso perso la nozione del tempo, anzi l'orologio non ha più avuto importanza e ci siamo lasciati trasportare dai ritmi naturali di vita vissuta senza fretta e senza ansia, è stato rigenerante ed è per questo siamo tornati carichi e sprintosi per questo autunno che sta per iniziare, la voglia di fare è ai massimi livelli !

Dopo due giorni appena la nostalgia per la Puglia naturalmente si è fatta sentire, il desiderio di gustare ancora una volta la tiella pugliese o altresì detta riso-cozze-patate è tornato prepotente e mammacarolina è stata per noi fondamentale per riuscire a replicare con lo stesso, quasi identico, sapore dell'originale gustata a Gallipoli - è stato inoltre divertentissimo seguire passo passo con il filmato preso direttamente da Youtube!




Tiella pugliese - riso patate e cozze

Tiella pugliese risocozzepatate


Ingredienti


1kg di cozze
300 gr di riso
1 cipolla
patate
pomodori
sale e pepe
parmigiano
pangrattato
olio evo pugliese

Preparazione

Mettete il riso a bagno in acqua fredda e nel mentre preparate la teglia con l'olio e la cipolla tagliata a rondelle a fare la base, lavate e sbucciate le patete tagliandole a fette spesse circa mezzo cm e ricoprite tutto il fondo, aggiungete il pomodoro a tocchetti, abbondante prezzemolo e una bella spolverata di parmigiano con sale, pepe ed olio.
Lavate e grattate bene le cozze sotto l'acqua togliendo ogni impurità, vista la nostra inesperienza abbiamo deciso di far aprire le cozze in un tegame sul fuoco con mezzo bicchiere di acqua ed una volta raffreddate abbiamo staccato una delle due valve.
Posizionate le cozze con conchiglia verso il basso e mollusco verso l'alto e ricoprite con il riso scolato e ripartite con gli strati di patate, prezzemolo e pomodori, parmigiano, olio sale pepe
Un altro giro di patate a rondelle, pomodoro prezzemolo parmigiano sale e come ultimo una spolverata di pangrattato e un giro di olio.
Da un lato aggiungete l'acqua filtrata delle cozze e altra acqua fino a che non la si vede sfiorare l'altro lato, non deve essere sommerso ma due dita di acqua dal fondo per permetterne la cottura ottimale.
Infornate in forno già caldo a 220° per almeno 50 minuti.

risocozzeepatate

Non siate come noi che per mangiare subito appena sforntato ci siamo bruciati la lingua!

***

Stiamo riguardando le foto e nel prossimo post ve ne faremo vedere qualcuna insieme al diario di bordo che stiamo finendo di scrivere... intanto bentrovati!!

25 commenti:

  1. bellissime immagini!!!immagino solo il gusto di questa tiella!!

    RispondiElimina
  2. hahahaha anche tu Taieddrha??? :D Buona è??? :) Bentornati!

    RispondiElimina
  3. Bentornati! Non vedo di vedere le foto! Bacio

    RispondiElimina
  4. Mai assaggiata,però ci avete incuriosito!Aspettiamo gli scatti di questa rigenerante e bella vacanza!

    RispondiElimina
  5. Bentornati :) Quel tramonto sul mare è splendido e la tiella...avercela adesso!!! Un bacione

    RispondiElimina
  6. Yes! Lu Salentu è meraviglioso, proprio come la mitica Tiella!!! :)

    RispondiElimina
  7. Buoooona questa tiella! Neanche io sapevo si chiamasse così..
    Mio marito ha un debole per la Puglia e un tour in quella terra così simile e così diversa dalla mia (io sono calabrese..) è d'obbligo prima o poi!

    Splendida la fotina con Vicky!

    RispondiElimina
  8. Tadannnnnnnnnnnnnn *disse arrivando saltellando.
    Eccomi qui.
    Sei rovinata.
    SPulcio adesso tutto tutto.
    Nel frattempo ti faccio i miei più sinceri complimenti e ti lascio un bacio, ecco.
    :*

    RispondiElimina
  9. lo sai che è una ricetta attribuita a noi salentini, ai gallipolini per la precisione ma che è in realtà una ricetta che abbiamo ereditato e imparato dai cugini greci nel tempo in cui nel salento erano di casa....

    RispondiElimina
  10. La ricetta sembra gustosissima..a me poi piacciono tantissimo le cozze!
    Ma che dire della prima foto.. semplicemente meravigliosa!
    un abbraccio
    e
    a presto
    Francesca

    RispondiElimina
  11. :-))) anche voi subite il fascino indiscreto dei profumi della cucina delle vacanze!

    RispondiElimina
  12. eh così certe terre ti si cuciono addosso e la puglia è così...io dopo un anno ne sento ancora la mancanza....che bei ricci la piccola Vicky! un bacione

    RispondiElimina
  13. ciao, sei bravissima! vorrei invitarti a visitare il mio blog, e a partecipare alla mia nuova raccolta di ricette con le pere, ti aspetto...ciaooo, paola
    http://lacucinadipaolabrunetti.blogspot.com/2011/09/oggi-il-mio-blog-compie-2-anni.html

    RispondiElimina
  14. Carissimi, bentornati!
    Sono felice di rileggervi, con immagini e parole :)
    Un abbraccio,

    wenny

    RispondiElimina
  15. Bentornati e complimenti per la fantastica proposta!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. grazie per la bella prepazione tipica, quando le vacanze sono così è bello essere contenti

    RispondiElimina
  17. Non sono mai stata in Puglia... è una bella lacuna, lo ammetto ! Carissimi vi sento così contenti della vostra vacanza .... mi fa piacere ! e che dire di questo piatto mai provato,... che voglia !!!!!! un abbraccio !

    RispondiElimina
  18. Ne sto sentendo parlare tantissimo del Salento e confesso che la curiosità di andarci sta salendo sempre più, ancora di più dopo aver visto la foto meravigliosa di quel tramonto con la vostra scriciolina :) bravissimi e bentornati

    RispondiElimina
  19. Ciao Fico secco e Uva passa, è la prima volta che vi scrivo e vi ho scoperti da qualche giorno=))...
    Questo piatto l'ho provato un paio di anni fa e vi ringrazio molto per avermene ricordata l'esistenza! Lo trovo squisito e affascinante al tempo stesso, perchè, almeno per me, all'assaggio è stato di una straordinaria bontà inaspettata!!! Complimenti per questo vostro spazio pieno di idee, un saluto Lys

    RispondiElimina
  20. splendido racconto grazie per le emozioni che avete condiviso e per questa magnifica ricetta :*
    Cla

    RispondiElimina
  21. GIURO CHE UNA COZZA NON MI è SEMBRATA MAI TANTO ATTRAENTE!!
    Le vacanze hanno sempre qualcosa di magico, anche quando (come è successo a me) lì per lì sono state disastrose)..credo che sia il tempo speciale che passiamo con le persone che amiamo.

    RispondiElimina
  22. Con queste foto mi stai facendo tornare con la mente in vacanza.....questa tiella è strepitosa....ed io non l'ho mai mangiata.....penso che sia giunta l'ora di provare a sfornarla.....baci

    RispondiElimina
  23. Questa è da sbavo: purtroppo sono stata in una zona della Puglia dove i piatti di mare non li hanno mai visti passare, ma sono convinta che dal Salento potrei tornare (molto) ingrassata.

    RispondiElimina
  24. Che bel blog! La Puglia è bellissima e la tua teglia invitantissima!
    Complimenti!

    Baci

    Giovanna

    RispondiElimina
  25. Grazie a tutti, vicino conosciuti e non per il vs passaggio!
    Felici di ritrovarvi!

    RispondiElimina